Kiessling minacciato, lascia Facebook

kiesslingStefen Kiessling, l'attaccante del Bayer Leverkusen autore del gol fantasma contro l'Hoffenheim, ha deciso di chiudere il proprio profilo di Facebook a causa degli insulti ricevuti dopo l'episodio incriminato avvenuto lo scorso 18 ottobre. La federcalcio tedesca ieri ha respinto il ricorso dell'Hoffenheim, stabilendo che l'arbitro Felix Brych non ha commesso alcuna violazione del regolamento ed escludendo quindi la ripetizione del match vinto dal Bayer per 2-1.

Fonti del Leverkusen hanno confermato che "alcune persone hanno inveito contro di lui" su Facebook e che il giocatore ha quindi deciso di lasciare il social network. In un'intervista al magazine 'Express', Kiessling ha anche rivelato di avere ricevuto lettere di insulti e minacce nella propria abitazione. "Si sta arrivando al limite", ha affermato il giocatore.