English German Russian Spanish

storia frosinone

I primi anni del Duemila
In Serie D il Frosinone fu quinto nel 2000, mentre l'anno successivo dà vita ad un appassionante testa a testa con i pugliesi del Martina. Alla fine è secondo, pur avendo realizzato ben 81 punti. La squadra del presidente Rosettano Navarra e degli allenatori Luca e Stefano Sanderra verrà ripescata in C2. Nei primi due campionati del ritorno in C2 il Frosinone, sulla cui panchina si alternarono ben cinque tecnici, dopo una buona partenza in cui la squadra sembrò potersi inserire nel discorso play-off, chiuse a metà classifica.

Nell'estate 2003 la società fu rilevata da una cordata di imprenditori ciociari guidata da Maurizio Stirpe, figlio di Benito, a sua volta presidente del club negli anni Sessanta. Stirpe chiamerà a Frosinone Enrico Graziani come direttore generale. Graziani aveva già lavorato a Teramo, ottenendo la promozione in C1. La panchina venne affidata a Giorgini che la stagione precedente arrivò secondo con il Brindisi nel girone C della Serie C2. Dopo un inizio di campionato anonimo il suo posto fu preso da Daniele Arrigoni, già tecnico di Messina e Palermo in Serie B. Con il mercato di riparazione, ad un organico già competitivo, vengono aggiunti giocatori di categoria superiore come De Cesare, Aquino, Marra, Buonocore. La squadra raggiunse le posizioni di vertice, lottando per il primato con il Brindisi. Le due squadre si alternerono al primo posto della classifica fino all'ultimo. Nella giornata conclusiva il Frosinone, sotto di un punto rispetto al Brindisi, espugnò Melfi con un gol di Ciro De Cesare, mentre il Brindisi non andò oltre il pari con l'Igea, sancendo il ritorno in C1 del Frosinone dopo sedici anni.

Il campionato di Serie C2 2003-2004 è ricordato, oltre che per la storica promozione, anche per le vittorie nei derby con il Latina, con cui c'è un'accesa rivalità. In entrambi i match il Frosinone la spuntò per 1-0, con reti di Manca all'andata e di Aquino al ritorno. Nell'anno del ritorno in C1 che vide il Frosinone cimentarsi in piazze storiche come Cremona, Mantova, Pisa, sulla panchina arrivò Dino Pagliari, e vennero acquistati giocatori come Mastronunzio, Di Deo (che sarà ceduto alla Ternana in B), Nicola Pagani, Mauro Zaccagnini, il portiere Zappino, che partito come riserva di De Juliis sarà poi promosso titolare, e nel mercato di riparazione, Alfredo Cariello, David D'Antoni, Antonio Di Nardo, Michele Ischia.

Il campionato, tra alti e bassi, vide il Frosinone reggere bene l'impatto con la categoria ed insediarsi in zona play-off, traguardo conquistato a fine stagione, nonostante un calo nel finale. Da segnalare le due vittorie sul Pavia e le due sulla Cremonese, poi vincitrice del campionato. Negli spareggi per la B, traguardo mai conquistato prima da una squadra ciociara, il Frosinone, quinto, è opposto al Mantova, secondo. Sebbene in campionato i gialloblù avessero retto il confronto, pur perdendo 1-0 all'andata e pareggiato 1-1 al ritorno, nelle due gare di play-off non ci fu storia: sconfitta 2-4 in casa, sul terreno del Matusa, e 1-0 al ritorno. Il Frosinone si inchina alla superiorità del Mantova, che sarà poi promosso in B, vincendo la finale con il Pavia. La stagione fu anche segnata dal raggiungimento della finale di Coppa Italia di C, in cui i ciociari vennero sconfitti dallo Spezia.

Nella seconda stagione di Serie C1 si puntò in alto. In panchina arrivò Ivo Iaconi, già 2 promozioni in B, con Fermana e Pescara. Partì De Cesare ma arrivarono giocatori come Ciro Ginestra, Stefano Bellè, Jimmy Fialdini, Paolo Antonioli, Massimo Perra, Marco Martini, Marco Ogliari, Giuseppe Anaclerio. Nonostante la presenza nel girone del Napoli il Frosinone punta al primato. Dopo un inizio altalenante in cui la squadra è grande al Matusa (vedi la vittoria 4-1 sul Perugia) ma piccola in trasferta, i gialloblù trovano affiatamento ed arrivano ad insidiare da vicino il primato del Napoli. Nello scontro diretto in casa del Frosinone i ciociari sono a tre punti dai partenopei, ma questi ultimi si impongono per 3-1. Il Frosinone non si abbatte e continua il suo ottimo campionato, dimostrando in alcune situazioni di avere grande carattere (il pareggio per 1-1 ottenuto sul campo del Grosseto dopo essere stato in svantaggio e in doppia inferiorità numerica). Nonostante un calo nel finale, che allontana i ciociari dal Napoli e fa temere il peggio, la squadra arriva seconda in classifica.

Nei play-off il Frosinone affronta la Sangiovannese. La compagine toscana, quinta classificata, è un avversario di tutto rispetto. In campionato ha battuto entrambe le volte i canarini. Le due gare di semifinale si concludono sullo 0-0. Il regolamento premia il Frosinone in quanto meglio piazzato in classifica. È finale col Grosseto. I maremmani hanno eliminato la Torres vincendo entrambe le gare per 1-0. Né i ciociari né i maremmani hanno mai militato in serie B, l'appuntamento è storico per entrambi. Nella gara d'andata in Toscana il punteggio non si schioda, ma lo 0-0 è frutto soprattutto delle parate di Zappino e degli errori sotto porta dei grossetani.

Il ritorno della finale a Frosinone vede la vittoria ciociara per 1-0. La squadra soffre e deve fare a meno di Ciro Ginestra dopo neanche mezz'ora. L'attaccante si infortuna dopo 40" in uno scontro col portiere ospite, prova a rimanere in campo ma è costretto ad abbandonare. Sarà proprio il giocatore che lo sostituisce, Marco Martini, a realizzare la rete della vittoria. Il Grosseto preme, colpisce anche una traversa, ma il Frosinone tiene e, pur dovendo fare a meno del portiere Zappino, infortunatosi nella ripresa, riesce a conquistare vittoria e promozione. La città di Frosinone e i suoi abitanti impazziscono di gioia.

 

 

 


Atalanta-iconBologna-iconCarpi scudettoChievo-Verona-iconempoliFiorentina-iconFrosinone scudettoGenoa-iconInternazionale-iconJuventus-iconLazio-iconMilan-iconNapoli-iconpalermoRoma-iconSampdoria-iconsassuoloTorino-iconUdinese-iconverona